Smartphone pieghevole

.

Smartphone pieghevole

Più volte abbiamo sentito parlare degli ipotetici futuri smartphone pieghevoli o flessibili dei grandi produttori, oggi ci torno io sull’argomento per mostrarvi il display che potrebbe usare Huawei per battere sul tempo addirittura Samsung nella corsa allo smartphone pieghevole.

Stando a quanto riportato da alcuni media cinesi, Huawei starebbe investendo parecchio, in termini economici, per costruire e lanciare sul mercato un dispositivo pieghevole prima di Samsung. L’azienda sudcoreana è stata sempre considerata tra le favorite in questa corsa principalmente grazie al fatto che essa stessa produce display. Le carte in tavola potrebbero essere cambiate dall’entrata in gioco di Beijing Oriental Electronics (BOE), il produttore cinese di pannelli OLED, il quale .ha puntato anche la produzione dei display per i prossimi iPhone

Quest’azienda cinese potrebbe essere scelta da Huawei come fornitore degli schermi per il suo prossimo smartphone pieghevole. Nel video che potete visualizzare qui

https://www.youtube.com/watch?time_continue=283&v=_Mgs7P16Gao

avete un esempio delle potenzialità offerta dall’innovazione tecnologica dei prodotti di BOE.

L’interrogativo più importante consiste nel valutare quanto sia conveniente progettare e lanciare sul mercato uno smartphone flessibile, oltre che del display si deve tener conto di tutti i componenti hardware da rendere compatibili con la flessione della struttura principale. Questo è di fondamentale importanza per creare un prodotto che, oltre ad essere esteticamente accattivante, sia anche funzionale, i tempi sono maturi?

Secondo il Wall Street Journal il 2019 vedrà uno smartphone pieghevole targato Samsung

Si è sempre parlato di brevetti, prototipi e concept, giusto poche settimane fa una voce ha rivelato che nel 2019 dovrebbe arrivare il fatidico smartphone pieghevole targato Samsung (con un prezzo esorbitante). Voce che è stata confermata anche dal Wall Street Journal.

Secondo la fonte del giornale, lo smartphone (nome in codice “Winner”) avrà uno schermo da circa 7″ (in linea con i 7,3″ dichiarati in precedenza) e che può essere piegato a metà “come un portafoglio”. In quella posizione, l’esterno dello smartphone mostrerà un piccolo display sulla parte frontale e le fotocamere nella parte posteriore.

Il lancio dovrebbe iniziare a bassi regimi, andando a coprire mercati molto specifici come quello dei gamers. Se questo passo dovesse dare i suoi frutti e il pubblico dovesse apprezzare, si potrebbe pensare ad un altro lancio più in grande stile nella seconda metà del 2019.

Anche la fonte non si aspetta un grande successo da parte del dispositivo, ma Samsung vuole essere la prima a lanciare sul mercato uno smartphone pieghevole, tanto che questo progetto è della “massima priorità”. Anche secondo la fonte il prezzo potrebbe attestarsi attorno ai 1.500$, o anche qualcosina in più. Li spendereste per uno smartphone pieghevole?

Fonte: Wall Street Journal

Motorola brevetta uno smartphone pieghevole: sarà questo il nuovo RAZR?

Il Motorola RAZR è stato certamente un cellulare che ha segnato un’epoca, un po’ come il Nokia 3310: per un certo periodo è stato un vero e proprio status symbol e, per molti, il punto più alto del design nel settore della telefonia. Avendone posseduto uno per un certo periodo di tempo parlo per esperienza diretta. L’arrivo degli smartphone ripiegabili potrebbe rappresentare un’opportunità per Motorola per innovare nuovamente nel campo del design e a suggerire che l’azienda si stia muovendo in questa direzione è un nuovo brevetto.

Lo spessore complessivo dello smartphone risulterebbe poi particolarmente ridotto, fatto che rimanda al RAZR citato in apertura. Anche il design generale del dispositivo, a conchiglia, rimanda inevitabilmente all’emblematico cellulare.

Lenovo, che controlla Motorola, ha già avuto modo di dimostrare il suo livello nella ricerca che condurrà ai dispositivi pieghevoli e non è dunque improbabile che Motorola possa e voglia competere con Samsung e Huawei in questo ambito, per arrivare tra i primi a proporre prodotti di questo tipo sul mercato.

Fonte https://www.mobielkopen.net/motorola-patent-opvouwbare-telefoon-scharnier

Un display da 8 pollici pieghevole? Huawei ci sta pensando sul serio

I display pieghevoli per smartphone si avvicinano sempre di più ad essere un fatto concreto dato che molti produttori stanno investendo seriamente in progetti di questo genere. Anche Huawei sembra essere particolarmente interessato.

In particolare, stiamo parlando di una collaborazione instaurata tra il produttore cinese e BOE, un’azienda che lavora in Cina specificatamente nella produzione di display. Le due società sembra che stiano lavorando in partnership per realizzare un display da 8 pollici pieghevole. La notizia arriva insieme alla conferma che BOE sta lavorando concretamente alla realizzazione di quattro diversi modelli di display pieghevoli, per due società diverse. Una di queste è senza dubbio Huawei mentre la seconda potrebbe essere Samsung anche se non vengono escluse Xiaomi e Oppo, già precedentemente dichiaratesi interessate alla partita degli smartphone pieghevoli. La cinese BOE di recente ha partecipato alla SID Display Week di Los Angeles, durante la quale ha mostrato in anteprima due display pieghevoli, uno da 5,99″ e l’altro da 7,56″.

Huawei potrebbe lanciare uno smartphone pieghevole a novembre, prima di Samsung!

Tutti conoscono le voci dello smartphone pieghevole di Samsung, l’ormai leggendario Galaxy X, ma il primato potrebbe presto sfuggire di mano all’azienda coreana, per mano della dirimpettaia Huawei.

Stando alle ultime notizie provenienti da Oriente, dovrebbe essere proprio il produttore cinese a presentare il primo smartphone pieghevole della storia, con uno scarto di qualche mese rispetto ai rivali. Il dispositivo è infatti atteso al lancio per il prossimo novembre, comunque entro la fine dell’anno, mentre per il modello di Samsung si parla della prima parte del 2019.

Di dettagli a livello tecnico ce ne sono ben pochi. Il terminale di Huawei dovrebbe utilizzare un pannello flessibile prodotto da LG per il display, mentre per il design si parla di un copro sottile, comunque non lontano dalle linee di uno smartphone tradizionale.

Se anche queste voci si rivelassero vere, cosa tutt’altro che scontata, consiglio di frenare l’entusiasmo sin da subito: anche con una possibile presentazione a novembre, il lancio sul mercato dello smartphone pieghevole di Huawei potrebbe arrivare dopo una notevole quantità di mesi.

Fonte: ETNews

Galaxy X: lo smartphone pieghevole di Samsung già a Novembre?

A novembre si terrà la Samsung Developer Conference a San Francisco, possibile che l’azienda sfrutti tale evento per presentarlo ma le probabilità sono abbastanza basse.

Samsung al lavoro sul primo display OLED infrangibile

Samsung sta lavorando ai primi schermi OLED indistruttibili: potrebbero avere una larga applicazione sul mercato, non solo in ambito smartphone

Un display indistruttibile che anche cadendo da altezze molto elevate non si fa neppure un graffio? A breve potrebbe smettere di essere fantascienza e diventare realtà: e ci avrebbe pensato Samsung a realizzare il primo schermo OLED semplicemente indistruttibile, dalle qualità fisiche molto simili nella composizione a quelle del vetro. Potrebbe trovare applicazione in numerosi contesti, tra i quali ovviamente la produzione di nuovi smartphone.

Sarei il primo a comperare un telefono del genere, penso di avere il record di tre schermi rotti in tre anni sullo stesso telefono, se per i primi due anni ha funzionato la garanzia per il terzo aimè ho dovuto far fronte alla spesa.

Attraverso un comunicato stampa ufficiale, Samsung ha annunciato di aver brevettato un nuovo display OLED certificato come infrangibile. Ad occuparsi dei test è stata la Underwriters Laboratories, società del dipartimento sicurezza e salute sul lavoro degli Stati Uniti. I risultati dei test sono semplicemente sorprendenti: lo schermo OLED è caduto per 26 volte da un’altezza pari a 1,2 metri, continuando a funzionare normalmente senza mostrare alcun danno sulle sue superfici. Un identico risultato è stato ottenuto anche lasciandolo cadere da 1,8 metri di altezza.
Ora che i test di Underwriter Laboratories sono conclusi, non resta che aspettare le prime applicazioni: potrebbero arrivare già nei prossimi mesi.

Nota personale

Il primo schermo oled pieghevole Samsung è di 4/5 anni fa. Solo che avevano ancora altre features da giocarsi e su cui guadagnare prima di rilasciare uno schermo del genere. Che poi considerata la natura dell’oled probabilmente già dai primi prototipi si poteva facilmente realizzare uno schermo pieghevole, ma come è noto lo sviluppo tecnologico è dettato dal mercato.Quanti di voi sentono ancora parlare di trasmissioni e televisori 3D che hanno invaso il mercato poco tempo fà, essi servivano solamente a recuperare le spese di progettazione degli attuali TV 4K e fra non molto 8K

VOTO
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento