Stai visualizzando 8 post - dal 9 a 16 (di 17 totali)
  • Autore
    Post
  • #9537
    maxmix69maxmix69
    Partecipante

    Grazie. Ti avevamo già spiegato, adesso aggiungo delle informazioni, il problema non è l’età del relè o il diverso tipo di funzionamento, dalle foto che ho visto quelli piccolini che tu hai usato all’inizio, quelli che restano eccitati, sono sempre elettromeccanici con gli scambi a lamelle. Solo che sono troppo piccoli e con alcuni carichi il picco di corrente all’accensione supera quello massimo sopportabile dai contatti, che quindi, come ha spiegato all’inizio il nostro amministratore Amilcare, si saldano parzialmente e restano incollati. Se il picco fosse ancora più forte i contatti si salderebbero tra di loro completamente e il relè diventerebbe inservibile. In realtà pure questi, una volta maltrattatti, sarebbero da buttare perchè hanno perso affidabilità e il cpntatto adesso sarà diventato sicuramente resistivo.

    #9543
    gvsoftgvsoft
    Partecipante

    Ok posso essere dì’accordo: ma come ho detto ho sospeso le prove per altri impegni. Effttivamente i relè piccoli usati e specie quello su cui è connesso un alimentatore da pc è rimasto incollato ma solo uno scambio mentre l’altro su cui è connesso un led per verifica di accensione FUNZIONA ANCORA !.
    Siccome io sono curioso per natura e finchè non vedo e provo non mi accontento: spero di riuscire a aprire uno di questi relè anche se sono incapsulati e affogati. Ma sono tenace
    Ciao e VI farò sapere.

    #9545
    maxmix69maxmix69
    Partecipante

    Con molta calma si riescono ad aprire. In realtà è il solito guscio a incastro però sigillato all’estremità dal lato dei contatti.

    #9559
    Avatarbigjohnson
    Partecipante
    #9563
    Picmicro675Picmicro675
    Moderatore

    Si usa e fa anche con una resistenza, e li chiamano snubber. In particolare serve coi triac e/o altri semiconduttori per evitare picchi troppo elevati.

    #9578
    AvatarMasterberg
    Partecipante

    Ora sono quasi ottantenne ma ho passato una vita ad amorrggiare con i relè avendo riparato centrali telefoniche analogiche della TIM per 35 anni. Importante sapere se il relè rimane alimentato con una corrente anche minima, oppure se i contatti rimangono incollati per craterizzazione. In questo caso si possono collegare opportuni spegni scintilla RC, ma penso sia opportuno usare relè che sopportino maggiore corrente, nel caso rimanga alimentato con una corrente seppur minima, si ricorre alla inserzione di una resistenza che con con un suo contatto sa cortocircuitata a relè caduto e che venga inserita in serie alla bobina alla sua attrazione.
    Spero di essere stato chiaro.

    #9580
    gvsoftgvsoft
    Partecipante

    Non dico che siamo coetanei ma siamo entrambi di una specifica generazione: io ne ho 74 compiuti e ho sempre lavorato in ambiti computeristici (passami il termine) La mia carrriera è cominciata negli anni 60 con i primi centri meccanografici per poi finire negli anni 2000 con i pc e diavolerie moderne. Ma nel frattempo e specie negli ultimi decenni pur essendo un autodidatta, mi sono sempre avvicendato in circuiti elettronici ma con assoluta preferenza per quelli digitali tanto da riuscire a costruirmi negli anni 80, un computer completo di monitor tastiera sistema floppy disk e sistema operativo e senza praticamente l’aiuto di nessuno salvo articoli specifici su riviste di elettronica. Ti ringrazio per il tuo post e sei stato chiarissimo. Ma come ho già specificato nei miei post precedenti, il problema si pone solo con un determinato alimentatore per portatili e comunque per tutti gli alimentatori anche quelli per i pc desktop. Non si verifica per le stampanti o per le strisce di led (a 220V) o per altri dispositivi ovviamente a bassissimo assorbimento. Ho sostituito il relais che alimentava il portatile con un altro relais (molto vecchio) con contatti lamellari a vista (probabilmente gli stessi che hai usato tu) e il problema non si presenta che se a volte nel contatto in chiusura scatta una scintillio. Adesso però sono ad un bivio: o lasciare tutto così o sostituire la scheda di controllo riprogettandola usando al posto dei relais dei comuni triac.
    Ciao e grazie
    giovanni

    #9582
    AvatarMasterberg
    Partecipante

    Carissimo, stanotte mi sono ricordato di aver avuto a che fare con un tipo di relè che io chiamavo polarizzati, che alimentati, si eccitava la bobina e chiudevano i contatti, togliendo alimentazione, il contatti rimanevano chiusi, per aprirli occorreva alimentare la bobina in senso contrario. Non vorrei che i relè da te usati siano di questo tipo. Altra spiegazione potrebbe essere che tra nucleo e ancorina si sia depositato della sporcizia che fa da colla, ma questo succede con relè non inscatolati cioè con contatti e bobina a vista, che con il tempo raccolgono polvere!
    Sperando di essere stato utile, saluto cordialmente
    Luigi

Stai visualizzando 8 post - dal 9 a 16 (di 17 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.