#4927
Avatarmau22
Partecipante

Stamattina ho ritagliato un po’ di tempo per questa ricerca.
Prima di tutto, ho ritrovato un intervento di Lorenzo sul sito Theremino, e riporto qui alcuni passi salienti (la discussione completa è qui https://www.theremino.com/blog/biometry)

“vedo che il sistema permette di misurare la frequenza cardiaca media calcolata su 1 minuto (Heart Rate), ma nella schermata del soft Theremino ECG compare (fra un battito cardiaco e l’altro) il dato numerico del tempo intercorso in millisecondi. Questa è una misura molto importante perché permette di misurare la Heart Rate Variability (HRV).
Guardando il grafico del tracciato pubblicato nel tuo sito la HRV si misurerebbe così:
(796-804)^2=64
(770-706)^2=4096
(728-770)^2=1764
In pratica si eleva al quadrato la differenza in millisecondi del tempo intercorso fra un battito ed il successivo. Si comprende subito che il battito cardiaco (come frequenza media al minuto) può anche non cambiare (o cambiare di poco) fra un minuto ed il successivo (nella immagine pubblicata HR=82/min), ma la variabilità della durata fra i vari battiti varia moltissimo (64, 4096 e 1764) !!!. Credo che lo stratagemma di elevare al quadrato il risultato sia fatto per ottenere sempre numeri positivi di HRV.”
“Vorrei che tu ed altri leggessero questo riferimento di cui riporto il link (ma ce ne sono moltissimi altri sul WEB):
https://www.selfcoherence.com/blogs/no-stress-blog/variabilita-della-frequenza-cardiaca-heart-rate-variability-hrv
Bene, una volta ottenuta una serie lunghissima di valori di HRV (uno per ciascuna coppia di battiti) questi vengono fatti “digerire” da un soft che ne fa l’analisi nel tempo e così si ottiene l’espressività massima dei dati ottenuti.”

Livio risponde con alcuni suggerimenti su come ottenere le letture desiderate, e fa presente che l’analisi di spettro è già implementata in alcune applicazioni di Theremino, come ad esempio WaveAnalyzer.

Ebbene, stamattina ho riletto le informazioni nel link di Lorenzo, e poi ho scaricato WaveAnalyzer, con l’intenzione di fare qualche prova.
Di fatto, pensavo di avere trovato una via piuttosto semplice:
– una piccola modifica al Theremino ECG, che calcola l’HRV con il quadrato, come suggerito da Lorenzo, e scrive i valori ottenuti su uno slot. La frequenza di trasmissione sarebbe la stessa della frequenza cardiaca, quindi non dovrebbe superare, normalmente, i 150 Hz, ben al di sotto degli 800 fps del sistema Theremino.
– una piccola modifica al Theremino WaveAnalyzer, che legge direttamente i valori HRV dallo slot e fa l’analisi spettrale.
Purtroppo, ho visto che in WaveAnalyzer c’è un limite minimo di frequenza analizzabile, pari a 0,1 Hz, che è il valore minimo impostabile nella casella Min Freq dell’FHT spectrum.
Nel link postato da Lorenzo, vengono definiti tre range di frequenza:
VLF= 0.0033-0.03
LF = 0.03-0.15
HF = 0.15-0.40
In pratica, WaveAnalyzer così come è scritto al momento, può analizzare solo i valori nel range HF.
Ho aperto il sorgente del WaveAnalyzer e ho modificato le proprietà della casella perché accetti anche i valori necessari per questa analisi, ma lo spettro visualizzato inizia in ogni caso da poco sopra 0,1 Hz.
Quindi, prima di procedere oltre con le modifiche al software, chiedo a Livio, autore del programma, quale sia il motivo di questa limitazione, e se sia possibile modificarla per l’analisi della HRV.